edgar mitchell-Stando al di sopra della fascia protettiva dell'atmosfera, si può osservare meglio il progressivo degrado dei sistemi ecologici dai quali tutte le specie dipendono per la loro sopravvivenza. Da quella prospettiva, e con l'ausilio di dati ricavati da quattro decenni di attività spaziale, appare chiaro che la popolazione della Terra segue una rotta ormai insostenibile. Il genere umano, impegnato in una miriade di conflitti legati a questioni di scarsa importanza, si ostina a non voler guardare avanti, verso il baratro che sta per inghiottirci tutti. Continuiamo a ragionare dal punto di vista dei nostri valori culturali tradizionali, rifiutandoci di considerare la nostra situazione da una prospettiva globale più ampia e di prendere le misure necessarie per creare una civiltà più tranquilla e armoniosa a nostro reciproco vantaggio, misure che prevedono alcuni cambiamenti difficili da accettare nel nostro stile di vita.

torcicollo

Troppo spesso viene trascurata la componente muscolare nella comparsa di sintomatologie dolorose tra le più comuni: torcicollo, cefalea, tunnel carpale, sciatica . Vediamo come i muscoli contratti e accorciati, possono causare queste problematiche.

La struttura muscolare e scheletrica

Il telaio del nostro corpo, per utilizzare un termine automobilistico, è costituito dalle ossa e dalle relative articolazioni che ne permettono il movimento.  Il sistema scheletrico è azionato dai muscoli che con opportune contrazioni e allungamenti ne permette il movimento.

I muscoli e la retrazione

 I muscoli sono una componente molto dinamica,  in continuo mutamento.  Chiunque  avrà notato che spesso chi compie intensa attività fisica ha un ‘accrescimento del volume muscolare, viceversa se restiamo immobilizzati il muscolo tende ad atrofizzarsi.  Questo processo fisiologico avviene quotidianamente secondo il principio di economia che il nostro metabolismo segue autonomamente: se un muscolo viene esercitato ne viene accresciuta la massa e la forza, in caso contrario lo stesso muscolo viene smantellato. Mantenere una muscolo inattivo comporta un dispendio energetico inutile.

nesaraNell’ultimo periodo si sente parlare molto del progetto NESARA , in realtà il progetto è stato creato moltissimi anni fa ed adesso è giunto il momento che venga attuato. In pratica il Progetto NESARA è una carta votata nel marzo 2000 dal Congresso degli Stati Uniti e trasformata ufficialmente in legge federale dal presidente Bill Clinton il 10 ottobre 2000, tre mesi prima della sua partenza dalla Casa Bianca. Si tratta di un documento di carattere politico dunque, ma di orientamento al tempo stesso economico, sociale, etico, ed anche spirituale, concepito per applicarsi in un primo tempo all’America ed agli americani, poi all’insieme dei popoli della Terra.

Questo testo è stato ispirato ai suoi co-redattori dai grandi Maestri Ascesi della Fratellanza della Luce in particolare Saint-Germain, per aiutare l’umanità nella sua transizione verso la nuova era. Suscitò in ogni caso un’ondata di entusiasmo tra tutte le persone che parteciparono alla sua elaborazione dal 1993, avendolo poi sostenuto davanti al Congresso americano all’epoca del voto di marzo 2000. Questo non impedì alla Corte Suprema degli Stati Uniti che, per evidenti ragioni si era opposta violentemente al progetto, di imporre una specie di muro del silenzio intorno a questa legge.

eco1

Le foto sembrano prese dal film di Peter Jackson “Il Signore degli Anelli” e la casa sembra essere la tipica dimora di un Hobbit. Invece, l’abitazione ritratta non fa parte di una scenografia, ma è una vera e propria casa ideata e costruita da Simon Dale per la sua famiglia in Galles: bella, comoda, economica e a basso consumo energetico.

Il costo per costruire questa casa a potenziale impatto zero, sia visivo che ambientale, è stato solamente di 3.ooo sterline: nessun architetto, solo semplici strumenti e l’aiuto di qualche parente e amico. Il signor Dale è gallese e, come pratica comune tra i designer gallesi, ha sfruttato i materiali che le vicine foreste mettono a disposizione; così, per la struttura della casa ha utilizzato del locale legno di quercia, per i muri fango e pietre e per coibentare il pavimento, i muri e il soffitto sono state usate balle di fieno.

sea1

SeaOrbiter è una nuova avventura umana al servizio del nostro pianeta. Progettata dall’architetto parigino Jacques Rougerie, s’inserisce nella storia delle grandi esplorazioni, condotte da illustri predecessori come Jules Verne, il Commandant Cousteau e Jacques Piccard. Fonte di ogni forma di vita, gli oceani rimangono infatti, ancora largamente sconosciuti. SeaOrbiter, definita “La prima nave verticale della storia”, che assomiglia a una stazione spaziale da fantascienza, vuole essere la sentinella dei mari e un laboratorio itinerante. Segnerà una nuova era nello studio della fauna, della flora sottomarina, della biodiversità, e nel monitoraggio dell’inquinamento e del cambiamento climatico.

Sorprendente ibrido tra una nave e un sottomarino, questa futurista stazione orbitale d’osservazione galleggiante, si presenta come un’aerodinamica struttura verticale d’alluminio di 51 metri d’altezza a forma di pinna, con una parte sommersa di 31 metri. Una piattaforma di 24 metri di diametro a 12 metri di profondità funge da stabilizzatore, in caso di tempesta. Un ponte di controllo sospeso a 14 metri consente una visione del mare a 360°.

valentina gebbiaCosa si nasconde dietro gli strani fenomeni che hanno colpito la piccola frazione marinara del versante tirrenico?

Nostra intervista alla scrittrice e giornalista Valentina Gebbia, autrice del libro "Fuoco Grande", incentrato sui misteriosi fatti di Canneto.
Dalla trasmissione radio "Cose dell'Altro Mondo" di Radio Universal FM.

Valentina ci racconta che, dopo l'intervista t.v. della trasmissione Vojager, è stata raggiunta da numerose persone che desideravano raccontarle la loro personale esperienza di contatto con episodi misteriosi o avvistamenti Ufo. Diverse testimonianze sono anche supportate da fotografie inquietanti.

Radio Universal: "Da cosa nasce l'idea di pubblicare Fuoco Grande?".

Valentina Gebbia: "Considerate che Palermo si trova ad appena 100 Km da Caronia, per cui il fatto che mi sia trovata così vicina ad una situazione così straordinaria e così unica al mondo, da scrittrice non potevo che andare a scriverci sopra e inventare una storia. Il mio libro, di fatto, è un romanzo. Una vicenda che ispirava chiunque, quindi sono stata lì a parlare con la gente nel 2003, ovvero l'anno in cui iniziavano a verificarsi tutti gli incendi e quei fenomeni che hanno attirato esperti e tecnici da tutto il mondo a Canneto. I fenomeni si ripetevano giorno dopo giorno, e tutti i TG ne parlavano quotidianamente. Gli incendi a casa della gente, gli elettrodomestici che incominciavano ad andare in tilt o letteralmente a sciogliersi davanti agli occhi delle persone. E poi il fatto che continuavano a verificarsi nonostante fosse staccata la corrente elettrica e tutto fosse monitorato...

cane-

L’ottimo articolo di Francesco Lamendola ”Siamo proprio sicuri che gli animali siano soltanto i nostri fratelli minori?” merita qualche considerazione.

Infatti gli altri animali non sono “fratelli minori”: anzi, non dovremmo più fare distinzioni fra umani e animali. Per secoli, nella cultura occidentale, l’idea di “umanità” è stata vista in contrapposizione con quella di “animalità”: questa opposizione oggi è insostenibile da tutti i punti di vista, soprattutto da quello scientifico-filosofico. Ora sappiamo che l’uomo è a tutti gli effetti un animale, anche facilmente classificabile. Non c’è alcuna discontinuità nel complesso della Vita. Per un cambio di mentalità su questo tema, sarebbe molto utile cominciare anche a modificare il linguaggio, attraverso il quale viene tramandato il sottofondo culturale: dovremmo dire “gli altri animali” e indicare gli altri animali, le piante, gli esseri collettivi e gli ecosistemi con la locuzione “gli altri esseri senzienti”.

Poiché non c’è alcuna separazione, non possiamo parlare di “fratelli minori”: tutti gli esseri senzienti hanno un valore in sé e il diritto di vivere in modo soddisfacente. Ogni ottica antropocentrica deve scomparire, non c’è alcuna “eccellenza ontologica” nel contesto della Natura.

Chi è in linea

Abbiamo 56 visitatori e nessun utente online

Cerca nel sito

vai al sito macrolibrarsi

 

link per leggere le notizie preferite da SolTreNews

In questo sito utilizziamo i cookie per fini statistici, senza immagazzinare informazioni personali. Continuando la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie.