Racconto di un iniziato

alfredo diprinzioAlfredo Di Prinzio è un argentino che vive a Roma e lavora nella sua bottega d'arte di via dei Lucchesi 35 (vicino a piazza di Trevi) dove realizza e vende degli oggetti con simboli magici. Qualche anno fa ha avuto la fortuna di vivere un'esperienza molto particolare.

Questo è il suo racconto.

"Nel maggio del 1983 sentii un richiamo interiore (può sembrare una cosa strana, ma io sono abituato a questi fenomeni fuori dell'ordinario). Sentivo che qualcuno mi chiamava dall'Argentina non sapevo chi fosse ma intuii che si trattava di qualcosa di interessante a livello misterico. Subito dopo ricevetti la telefonata di un mio amico giornalista (Roberto Villamil), che pochi giorni prima ad Acapulco aveva avuto un incidente e soffriva moltissimo perché aveva le ossa fuori posto. Era stato portato quindi in Argentina e lì si era rivolto ad un medico di origine greca, un certo Akoglanis che aveva studiato in Tibet, e in due sedute lo aveva rimesso a posto. Io sentii che dovevo vedere questo dottor Akoglanis e mi feci fissare un appuntamento."

Partii quindi per l'Argentina e andai con il mio amico dal dottore. Dopo che egli mi visitò io mi feci coraggio e gli dissi che ero venuto apposta dall'Italia, perché avevo sentito una strana chiamata ed ero convinto che la persona che mi chiamava fosse lui. Lui si mise a ridere e disse: "I fratelli fanno delle cose e non mi avvisano". Io gli domandai: "Quali fratelli?" "I fratelli della luce", rispose lui. Insistetti: "Chi sono questi fratelli?", "I nostri fratelli cosmici" fu la risposta. "E dove vivono?" domandai, "Nella Sierra di Cordova. Vuoi venirci?" "Senz'altro" dissi io.
"Ci demmo appuntamento per la settimana seguente. Anche il mio amico si unì a noi, e un giornalista del canale 9 di Buenos Aires. Il dottore aveva una casa lì, dove trovammo altre persone (tra cui un americano) che avevano avuto una chiamata come la mia. Era il mese di agosto e faceva freddo perché era pieno inverno. Percorremmo in jeep la "carretera" fino alla Valle della Luna. Il dottore era in un'altra jeep. Una grande emozione era in me. Sentivo che l'incontro era prossimo. A un certo punto ci fermammo. Dall'altro veicolo scese il dottore con due donne. Mi fece cenno di scendere. Intonarono dei canti in un idioma singolare (una lingua cosmica molto antica) e subito dopo si alzò un vento fortissimo che però ben presto smise di soffiare. Vedemmo allora una grande luce nel cielo: sentivo che ci comunicava qualcosa. Il dottore disse che ci autorizzavano ad andare avanti. Ci rimettemmo in macchina e proseguimmo. Vedemmo moltissime luci che pulsavano. C'era un meraviglioso odore di gerani che testimoniava la loro presenza. Un suono simile a quello delle cicale, ma più metallico, colpiva il nostro udito. All'orizzonte, come un miraggio, si vedeva la città dimensionale di Erks con il tempio della Sfera. Abbiamo fatto delle fotografie, ma una soltanto è venuta: la stessa per tutti.

Abbiamo visto un'astronave di forma lenticolare con degli oblò passare fluttuando a 100 metri di distanza. Sembrava trasparente, attraversò la strada e sparì. Il dottore disse che ogni manifestazione che coglievamo con i nostri sensi era dovuta ad un diverso sacerdote cosmico. Alla fine ringraziò i fratelli e loro ci autorizzarono ad abbandonare il luogo.

Il giorno seguente il dottore mi parlò. Mi disse: "sta finendo un ciclo, e alcuni punti della terra si stanno attivando, specialmente in America Latina. C'è un triangolo di forze che sta modificando l'energia attuale. La terra è come un essere umano con i suoi organi e i suoi centri energetici. Le montagne sono la colonna vertebrale dei pianeta. Gli esseri di luce che vivono in Erks sono in contatto con quelli di Shamballah, che da epoca immemorabile reggono per ordine dell'Altissimo l'evoluzione spirituale dei pianeta. Lì vive quello che alcuni scrittori chiamano il Re dei Mondo, Melkitzedeq. Il suo nome cosmico è Amuna Kur."

Al che io gli domandai "E io cosa c'entro in tutto questo?"

"Stanno richiamando i sacerdoti cosmici. Sicuramente tu sei uno di loro"

Che sia veramente così?

In un altro viaggio che Alfredo Di Prinzio ha fatto in Argentina, ha ricevuto l'iniziazione dal dottor Akoglanis (il cui nome cosmico è sacerdote Sarhuma) acquisendo il nome iniziatico di Kuthuma, che vuol dire "Generoso".


kuthumadierks.com 08/06/2002
(di Nica Fiori - tratto dalla rivista "i Misteri", n°20 1997)

 

  TORNA ALL'ELENCO DEGLI ARTICOLI DI ERKS

 

cerro uritorco

 

In questo sito utilizziamo i cookie per fini statistici, senza immagazzinare informazioni personali. Continuando la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie.