ansia-panicoSiamo tutti interconnessi, nel bene e nel male. Ovvero, il benessere individuale si realizza inevitabilmente nell’ambito dello spazio sociale, dilatatosi enormemente con la diffusione dei nuovi media e social network. Un ambito di ricerca nel campo della comunicazione sociale indaga il ruolo dei media nella costruzione e nel mantenimento del benessere psicologico della popolazione. Siamo continuamente esposti alle “brutte notizie”: dalle catastrofi naturali, alle guerre, agli incidenti più o meno gravi, agli omicidi familiari che risuonano nel sistema delle nostre relazioni familiari e al continuo stillicidio delle news economiche foriere di un futuro incerto.

Le notizie buone, positive, confortanti, sono sporadiche e scarsamente pubblicizzate. In ogni caso esse sono troppo poche per compensare l’effetto dirompente e contagioso delle emozioni suscitate dagli eventi spiacevoli o drammatici che attivano in alcuni un intenso desiderio di fare qualcosa, esserci, partecipare, voler agire subito per alleviare la sofferenza altrui ed in altri sentimenti contrastanti di vicinanza emotiva e di distacco. «Una esposizione mediatica che raggiunge il cervello e lo induce ad avere principalmente due reazioni: una di indifferenza con la perdita di empatia e compassione, un metodo difensivo per mantenere l’equilibrio e passa attraverso ad un meccanismo di distacco, e un altro che “assorbe” le negatività sviluppando ansia, insicurezza sino a depressione e attacchi di panico» spiega Giorgio Maria Bressa, psichiatra a Roma e docente di Psicobiologia del Comportamento presso l’Università Pontificio Ateneo Salesiano di Viterbo.

solarflareSono convinto che siamo nel mezzo di un processo che riguarda la ristrutturazione delle nostre reti neurali e che il catalizzatore di questo processo è l'alta attività solare-geomagnetica, le cui conseguenze sono temute da molti oggi. Tutti i fatti e le scoperte arrivano alla innegabile conclusione che questa evoluzione, per la prima volta nella storia umana, abiliterà gli esseri umani ad usare l'enorme potenziale dei nostri cervelli.

David Samuel dell'Istituto Weizmann di Israele ha stimato che la gamma di base dell'attività cerebrale è guidata da 100.000 a 1 miliardo di diverse reazioni chimiche ogni minuto. Il cervello medio umano contiene un minimo di 10 miliardi di neuroni individuali o cellule nervose, una immagine ancor più sorprendente quando ci soffermiamo a pensare che ogni neurone può interagire con molti altri neuroni. Nel 1974 i neurofisiologi hanno scoperto che 10^800 interconnessioni giocano a questo scopo. La grandezza di questa capacità è paragonabile ai seguenti fatti cosmici: dato che l'atomo è la più piccola unità nell'universo e l'universo stesso la più grande, si stima che l'universo contenga un totale di 10^800 atomi. In altre parole, il numero di interazioni nel cervello umano eccede il numero di atomi nell'universo.

nesaraNell’ultimo periodo si sente parlare molto del progetto NESARA , in realtà il progetto è stato creato moltissimi anni fa ed adesso è giunto il momento che venga attuato. In pratica il Progetto NESARA è una carta votata nel marzo 2000 dal Congresso degli Stati Uniti e trasformata ufficialmente in legge federale dal presidente Bill Clinton il 10 ottobre 2000, tre mesi prima della sua partenza dalla Casa Bianca. Si tratta di un documento di carattere politico dunque, ma di orientamento al tempo stesso economico, sociale, etico, ed anche spirituale, concepito per applicarsi in un primo tempo all’America ed agli americani, poi all’insieme dei popoli della Terra.

Questo testo è stato ispirato ai suoi co-redattori dai grandi Maestri Ascesi della Fratellanza della Luce in particolare Saint-Germain, per aiutare l’umanità nella sua transizione verso la nuova era. Suscitò in ogni caso un’ondata di entusiasmo tra tutte le persone che parteciparono alla sua elaborazione dal 1993, avendolo poi sostenuto davanti al Congresso americano all’epoca del voto di marzo 2000. Questo non impedì alla Corte Suprema degli Stati Uniti che, per evidenti ragioni si era opposta violentemente al progetto, di imporre una specie di muro del silenzio intorno a questa legge.

attrazioneJerry: Ho sentito di recente dai media che per chi vuole, è disponibile in città la vaccinazione antinfluenzale gratuita. Queste notizie favoriscono la diffusione del virus dell'influenza?

Abraham: Sì, sono di grande sostegno alla diffusione del virus. Nel vostro tempo, non c'è fonte più grande di condizionamento negativo della televisione. Naturalmente come dappertutto, alla televisione e sui media c'è il desiderabile e l'indesiderabile e avete comunque la possibilità di scegliere quello che vi piace e arricchirvene; tuttavia queste fonti vi offrono spesso punti di vista terribilmente distorti e squilibrati. Cercano nel mondo disastri continui accendendovi sopra i riflettori, amplificandoli ed esaltandone la portata con musiche a effetto, rovesciandoli nel vostro soggiorno e dandovi un'immagine terribilmente distorta e contro il benessere dello stato del pianeta.

giuliana confortoIl 15 ottobre 2011 ci sono state manifestazioni in centinaia di città sparse nel mondo, tutte pacifiche e imponenti tranne che in Grecia e in Italia. Solo casi? Secondo me, no. Eredi di grandi civiltà Atene e Roma hanno toccato con mano il classico gioco del potere: dividere gli uomini in schieramenti e farli combattere tra loro, rendere quindi necessario l'intervento delle forze dell'ordine dopo, è ovvio, che i violenti hanno saccheggiato indisturbati. Chiedere un futuro ai governi è fingere di ignorare che dipendono dal passato e dal solito gioco: divide et impera.

Le manifestazioni sono segni importanti, ma potranno risolvere la crisi, eliminare le ingiustizie, gli enormi privilegi di pochi e la miseria dei tanti? Una risposta la offre l'Egitto. Dopo manifestazioni imponenti e 850 morti, il despota, Mubarak, è scomparso e i suoi vecchi amici e nuovi alleati si sono assestati al suo posto; hanno in mano le banche, l’edilizia e le fabbriche, oltre a 70 miliardi di dollari annui di aiuti americani. In sei mesi, non hanno fatto nulla per redistribuire la ricchezza tra il popolo.

giuliana confortoarticolo di Giuliana Conforto estratto dalla newsletter 12/07/11

Ieri i giornali parlavano tutti del crollo in borsa come di un disastro che ricadrà sulle spalle dei popoli, in particolare, quello italiano. Il Minnesota (USA) ha già dichiarato bancarotta, la Grecia è prossima a farlo. Mi chiedo: borse, banche e denaro sono realtà reali o realtà virtuali in mano a pochi speculatori?

E perché i popoli dovrebbero risentirne? Perché l'informazione li fa apparire come fatti reali, motivo per cui tutti, anche le opposizioni approveranno la manovra proposta dal governo.

Intano i fatti reali sono trascurati.

Insieme con l'eruzione dell'Etna, gli orologi digitali in SIcilia hanno anticipato di 15 minuti e molti sono arrivati in anticipo al lavoro. La notizia è stata riportata solo da giornali in inglese e attribuita ad alieni, misteri, etc. Invece è molto semplice. Tutti i vulcani e l'Etna in particolare sono legati al vasto mantello terrestre sottostante, un mondo vivo e intelligente che ruota verso Ovest - senso orario - ed è illluminato dal Sole al centro della Terra. opposto a quello della crosta terreste che ruota invece verso Est - senso antiorario.

Il tempo è un effetto del verso di rotazione, come dimostrano i vecchi orologi meccanici.

Nel mantello terrestre il tempo va dal futuro al passato. Lo abbiamo visto in tanti nei miei seminari e spiego il perché nei miei libri. Non voglio ripetermi qui, ma solo esprimere la mia soddisfazione per le prove che oggi svelano l'importanza delle rotazioni. Voglio anche sottolineare il bluff dilagante delle vibrazioni e di certa spiritualità di moda secondo cui la vibrazione più alta è "dio".

In questo sito utilizziamo i cookie per fini statistici, senza immagazzinare informazioni personali. Continuando la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie.